header

Natura Sicula

Aggregata alla Federazione nazionale Pro Natura di Torino, collabora con molti enti pubblici che garantiscono indipendenza.

Salva il suolo

20161129 salvasuolo2

Differenziata

Raccolta_rid
Raccolta differenziata
Risposte rare a domande frequenti

5x1000

5x1000

Sostieni Natura Sicula con il 5x1000!!

Previsioni meteo

logo-meteo
Previsioni meteo per la Sicilia

Statistiche

Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Piatti e biccheri di plastica PDF Stampa E-mail
Share
Dal 1 maggio 2012 si possono finalmente conferire con la plastica. Prima di questa data,, non essendo considerati imballaggi, andavano conferiti nell’indifferenziato. La normativa europea e italiana infatti prevedeva l'obbligatorietà del riciclaggio per i soli imballaggi (intesi come prodotti destinati a contenere e proteggere specifiche merci) per i quali i produttori (e di conseguenza gli utilizzatori) sono chiamati a pagare il contributo ambientale CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi) richiesto al fine di sostenere le pratiche di riciclaggio. Il vizio normativo è stato finalmente superato a vantaggio di produttori, consumatori e ambiente.
Malgrado ciò, la cosa migliore da fare è evitare il più possibile l'utilizzo di questi prodotti o, in casi estremi, sostituirli con i piatti di carta. I più comuni piatti di carta sono in realtà rivestiti di una pellicola di polietilene che impedisce l'assorbimento di liquidi e grassi contenuti negli alimenti. Un accorgimento indispensabile a rendere impermeabile il prodotto ma che non permette di buttarlo nell'organico, al massimo nella carta se dopo l’uso non presenta evidenti tracce di sporco.
Esistono tuttavia piatti di carta biodegradabili e compostabili, che possono essere conferiti nell'umido una volta sporcati: sono realizzati in polpa di cellulosa, materiale organico che si ricava dagli scarti di lavorazione di alcune piante, principalmente la canna da zucchero. Secondo i produttori, le stoviglie fabbricate con la polpa di cellulosa sono completamente biodegradabili e compostabili, e la fitta trama dell'impasto garantisce un livello di impermeabilità molto più alto in confronto con la normale cellulosa; inoltre, rispetto alla plastica biodegradabile (Mater-B), resistono meglio alle alte temperature (fino a 200°C), possono essere utilizzati nel microonde e hanno costi decisamente inferiori.

 

piattoplasticabicchiere

Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Maggio 2012 06:46
 
cheap Zyrteccheap Vermaxcheap Xenical cheap Lisinoprilcheap Ventolincheap Premarin cheap Zoloftcheap Doxycycline cheap Zyprexacheap Flagyl cheap Prednisonecheap Zithromax cheap Acompliacheap Amoxil cheap Bactrimcheap Norvasc cheap Tadacipcheap Motrin cheap Cleocin