header

Natura Sicula

Biblioteca naturalistica e di editoria locale, escursioni, conferenze, proiezioni, giornate ecologiche, pubblicazioni, educazione ambientale, visite guidate, conservazione, viaggi, monitoraggi, corsi, trekking, campi estivi, convegni, acquisti equo-solidali, formazione, musica, stage universitari, mostre, laboratori del gusto.

Salva il suolo

20161129 salvasuolo2

Differenziata

Raccolta_rid
Raccolta differenziata
Risposte rare a domande frequenti

5x1000

5x1000

Sostieni Natura Sicula con il 5x1000!!

Previsioni meteo

logo-meteo
Previsioni meteo per la Sicilia

Statistiche

Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Non vogliamo quad, 4X4 e fuoristrada in aree di pregio naturalistico e paesaggistico PDF Stampa E-mail
Mercoledì 29 Luglio 2015 18:23
Share

20150729 fuoristradaFuoristrada, quad, 4x4 scorrazzano nel periodo invernale nelle trazzere dei monti Iblei e in estate sulle dune di sabbia e sulle spiagge, fino ad arrivare quasi a mare. Domenica scorsa, come ogni estate, la spiaggia di Eloro-Pizzuta, è stata meta di impattanti veicoli. Arenile ritenuto scacro dagli abitanti della subcolonia di Eloro, e per questo dedicato a Demetra e Kore, oggi protetto dal vincolo paesaggistico ed archeologico,
In considerazione di ciò chiediamo alla Soprintendenza e alla Procura di Siracusa, al Comune di Noto e al Corpo Forestale, ciascuno con le proprie competenze, di intervenire con maggior impegno per impedire che le dune e la spiaggia di Eloro-Pizzuta, vengano devastate da fuoristrada, 4x4 e quad. Ricordiamo che per quest’area, ricca di peculiarità paesaggistiche, archeologiche e naturalistiche, abbiamo presentato alla Regione una proposta di inclusione nella riserva di Vendicari. La proposta gode del parere favorevole della Soprintendenza di Siracusa e del Consiglio Comunale di Noto.

Gli effetti nefasti di tali mezzi, soprattutto durante i raduni, sono innumerevoli:
- danni alla rete viaria minore, che andrebbe preservata per la promozione di un turismo ecosostenibile a piedi o in bici;
- rischio che il passaggio di questi aggressivi mezzi rovini il fondo di sentieri e mulattiere;
- distruzione di muretti a secco di sostegno e terrapieni;
- distruzione del sottobosco, della vegetazione psammofila, a macchia, a gariga, anche in aree di pregio naturalistico;
- disturbo della fauna selvatica;
- inquinamento acustico e atmosferico;
- danni all’assetto idrogeologico;
- danni agli alvei dei fiumi per i continui attraversamenti (es. fiume Manghisi);
- rischio per la sicurezza di quanti praticano l’escursionismo.
Non serve essere ambientalisti per capire quanto la bellezza e la fragilità di certi luoghi siano incompatibili con un’attività portatrice di così serie conseguenze, che denota una visione della campagna come zona franca dove tutto è permesso. Se lo scopo di qualche sport è superare ostacoli e percorsi impegnativi, non si capisce perché lo si debba fare in ambienti fragili dal grande valore storico-naturalistico, e lungo itinerari creati per essere percorsi a piedi o a dorso di animale.


Il Presidente
Fabio Morreale

20150729 fuoristrada

Ultimo aggiornamento Giovedì 30 Luglio 2015 15:02
 
cheap Zyrteccheap Vermaxcheap Xenical cheap Lisinoprilcheap Ventolincheap Premarin cheap Zoloftcheap Doxycycline cheap Zyprexacheap Flagyl cheap Prednisonecheap Zithromax cheap Acompliacheap Amoxil cheap Bactrimcheap Norvasc cheap Tadacipcheap Motrin cheap Cleocin