header

Natura Sicula

Associazione a carattere regionale fondata nel 2008 a Siracusa, dove conserva la sua sede legale. Tra le finalità ha la conoscenza, la tutela, la conservazione e la valorizzazione della biodiversità, degli habitat naturali, degli ecosistemi, delle tradizioni gastronomiche siciliane, della legalità, del patrimonio etno-antropologico, musicale, dialettale, ecc. 

Salva il suolo

20161129 salvasuolo2

Differenziata

Raccolta_rid
Raccolta differenziata
Risposte rare a domande frequenti

5x1000

5x1000

Sostieni Natura Sicula con il 5x1000!!

Previsioni meteo

logo-meteo
Previsioni meteo per la Sicilia

Statistiche

Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

RESORT OGNINA: SI RISPETTINO LE NORME VIGENTI PDF Stampa E-mail
Lunedì 07 Settembre 2015 07:05
Share
 
 
20150905 OGNINA SOSSIRACUSA. Chiusa, o meglio accantonata la vicenda Pillirina (in attesa del completamento dell'iter istitutivo della nascente riserva), ecco spuntare un nuovo progetto che riguarda una zona altrettanto pregiata e inviolata di Siracusa, ovvero capo Ognina.
Il progetto che la società “Siracusa Sun Lld”, proprietaria dei terreni ha presentato agli uffici del Comune di Siracusa e che verrà discusso, in fase istruttoria, il prossimo martedì 8 settembre è tutt'altro che sostenibile.
Questo risulta dalla documentazione depositata presso gli uffici comunali che abbiamo esaminato con attenzione. 
Su 148 ettari di terreno disponibili, il progetto prevede l’utlizzo di oltre il 90% (136 ettari), fra la costruzione degli edifici (41 ettari) e la realizzazione di un campo da golf (94,5 ettari).
Un agglomerato di ville a due piani che per estensione, come ben sottolineato da alcuni organi di stampa locali, supererebbe di quasi una volta e mezza l’isola di Ortigia che misura circa 100 ettari.
Edifici che, come candidamente ammesso dalla stessa società nella proposta presentata al Comune, potranno essere venduti agli stessi soci del golf club quali edifici residenziali.
Una storia già vista e sentita più volte negli anni passatii, dalla Bussola al Selenia, da Isola Blu a Villaggio San Lorenzo. Se così fosse, si tratterebbe di una nuova speculazione edilizia alla luce del sole in una zona costiera su cui insistono vincoli paesaggistici ed archeologici.
Infatti, oltre metà degli edifici previsti, ricadrebbero in piena zona rossa (livello di tutela 3) del vigente Piano Paesaggistico che ne impone l’inedificabilità assoluta.
Inoltre, a differenza di quanto affermato nei giorni scorsi dalla società “Siracusa Sun Lld” e dal sindaco Giancarlo Garozzo in data odierna, oltre 13 ettari di terreni da edificare (ZCV1-zona di concentrazione volumetrica 1) ricadrebbero nella fascia costiera tra i 150 e i 300 mt dal mare.
A tutto ciò si aggiunge la proposta di variante all’attuale PRG per permettere lo spostamento della strada provinciale che collega Ognina a Fontane Bianche, che risulta incompatibile con l’attuale e vigente Piano Paesaggistico e che impedirebbe per sempre la vista del mare lungo quel tratto di costa.
In ogni caso gli interventi previsti necessitano di pareri da parte degli organi competenti, per primi quelli della Soprintendenza che dovrà garantire la tutela dell'area nel rispetto dei vincoli e del Piano Paesaggistico citati. 
La fruizione pubblica della costa, come si evince dal progetto presentato, sarà limitata a soli 2 ettari, che verrebbero ceduti al Comune in cambio della “generosa” variante. Una sorta di ghetto o di “riserva indiana” per i cittadini, con il resto della costa di esclusiva pertinenza e utilizzo degli ospiti del Resort.
 
Fermo restando la nostra contrarietà a qualunque forma di nuovo insediamento turistico costiero, riteniamo che un progetto come quello presentato debba essere attentamente valutato rispettando le normative vigenti che nell’area in questione sono chiare e nette.
Ben venga la riqualificazione dell’esistente con il restauro dei caseggiati rurali di villa Molinari e della Masseria Cuba, quest’ultima destinata ad azienda agricola biologica. Che si costruisca pure dove le normative attuali lo consentono (comunque a monte dell'attuale strada provinciale) ma si impedisca ad ogni costo che venga occlusa la vista e la libera fruizione della costa e del mare.
 
Alcune delle associazioni aderenti al coordinamento SOS Siracusa, presenteranno richiesta di partecipazione alla conferenza dei servizi di giorno 8 settembre, per verificare dall'interno lo svolgimento dell'iter istruttorio del progetto in questione e vigilare sul rigoroso rispetto delle norme di tutela.
 
Di One & Only, ovvero di “unico e solo” c’è soltanto il nostro mare e le nostre coste, e chi tenta di sottrarceli pezzo dopo pezzo sa benissimo quale sia il loro valore.
 
 logo SOS
Ultimo aggiornamento Lunedì 07 Settembre 2015 07:16
 
cheap Zyrteccheap Vermaxcheap Xenical cheap Lisinoprilcheap Ventolincheap Premarin cheap Zoloftcheap Doxycycline cheap Zyprexacheap Flagyl cheap Prednisonecheap Zithromax cheap Acompliacheap Amoxil cheap Bactrimcheap Norvasc cheap Tadacipcheap Motrin cheap Cleocin