header

Natura Sicula

Associazione a carattere regionale fondata nel 2008 a Siracusa, dove conserva la sua sede legale. Tra le finalità ha la conoscenza, la tutela, la conservazione e la valorizzazione della biodiversità, degli habitat naturali, degli ecosistemi, delle tradizioni gastronomiche siciliane, della legalità, del patrimonio etno-antropologico, musicale, dialettale, ecc. 

Salva il suolo

20161129 salvasuolo2

Differenziata

Raccolta_rid
Raccolta differenziata
Risposte rare a domande frequenti

5x1000

5x1000

Sostieni Natura Sicula con il 5x1000!!

Previsioni meteo

logo-meteo
Previsioni meteo per la Sicilia

Statistiche

Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Referendum no triv: invito all'astensione da parte del governo è atto di irresponsabilità istituzionale e di scarso senso dello Stato PDF Stampa E-mail
Lunedì 21 Marzo 2016 20:25
Share

20160321“La partecipazione alle decisioni che interessano tutti è l'essenza stessa dello Stato democratico. Istigare alla non partecipazione è un atto di per sé antidemocratico. Se ciò è grave per i cittadini, lo è ancor di più per chi è investito di ruoli di responsabilità istituzionale". Così Tiziana Medici del Coordinamento nazionale No Triv, dopo l’ennesimo commento da parte dei politici, che invita gli elettori ad astenersi al voto referendario del 17 aprile.
Secondo il Coordinamento nazionale No Triv, in nessun Paese democratico il governo dovrebbe disertare il confronto e sabotare questa forma di democrazia diretta.
Dopo il sottosegretario Luca Lotti, questa volta è Debora Serracchiani a esprimersi “sull’inutilità della votazione”.

"Il referendum voluto dalle Regioni costerà 300 milioni agli italiani. La legge prevede che non possa essere accorpato ad altre elezioni. Pensiamo che, nello specifico, i soldi per questo referendum potevano andare ad asili nido, a scuole, alla sicurezza, all'ambiente", dice la Serrachiani.
Affermazioni come queste, spiegano i No Triv, costituiscono per tutti, indipendentemente che si appartenga al partito del Sì o del No, un pessimo modello in cui non specchiarsi.
Immediata la replica di Enzo Di Salvatore, costituzionalista.
"Proprio così. Il referendum costerà agli italiani 300 milioni di euro. E questo perché il Governo Renzi non ha voluto accorpare il referendum alle elezioni amministrative. Sarebbe stato sufficiente adottare un decreto-legge ed indire l'election day. Se quei soldi non sono potuti andare agli asili nido, alle scuole, alla sicurezza e all'ambiente è per via di una precisa scelta del Governo Renzi. Nessuno l'ha dimenticato. Come dimenticarlo?"

IL 17 APRILE VOTA SÌ AL REFERENDUM PER DIRE NO ALLE TRIVELLE
Tutti siamo chiamati a difendere il nostro mare. Hashtag #Notriv
Roma, 18 marzo 2016
Coordinamento Nazionale No Triv

20160321

Ultimo aggiornamento Martedì 29 Marzo 2016 17:35
 
cheap Zyrteccheap Vermaxcheap Xenical cheap Lisinoprilcheap Ventolincheap Premarin cheap Zoloftcheap Doxycycline cheap Zyprexacheap Flagyl cheap Prednisonecheap Zithromax cheap Acompliacheap Amoxil cheap Bactrimcheap Norvasc cheap Tadacipcheap Motrin cheap Cleocin