Notice
Aspettando la riserva naturale Penisola della Maddalena, la regione rinnova il vincolo biennale Stampa
Sabato 20 Luglio 2013 15:16
Share

03 ridIeri mattina, nel corso dell'audizione del Comitato SOS Siracusa (di cui Natura Sicula fa parte) con la IV Commissione Territorio e Ambiente all'ARS, ci è stata comunicato il rinnovo del vincolo biennale della Penisola della Maddalena.
Ringraziamo tutti coloro che hanno firmato la petizione e ai numerosi deputati che hanno aderito esortandoli a continuare.
Accogliamo con soddisfazione la notizia ma pensiamo che ci sia poco da festeggiare o rivendicare e tanto da lavorare.
Quello ottenuto oggi, in extremis, è solo un passo obbligato e fondamentale per poter rilanciare l'iter di istituzione della Riserva della Penisola Maddalena, fermo al palo da due anni.
Le voci che si rincorrono all'interno del palazzo della Regione Siciliana sono ben poco rassicuranti. La perimetrazione della riserva, sotto chissà quali pressioni, potrebbe essere rimodulata, vanificando di fatto tutto il lavoro svolto fino ad oggi e permettendo la costruzione del villaggio turistico.


Crediamo che debba essere l'opinione pubblica ad alzare la voce e a reclamare, nei confronti della classe dirigente di Comune e Regione, l'attuazione definitiva della Riserva e il mantenimento della perimetrazione originale come espresso nello stesso decreto firmato ieri.
A tutti coloro che, forti dell'attuale situazione di crisi economica fanno leva sull'argomento lavoro, vogliamo far capire che non esiste una contrapposizione tra ambientalisti e cementificatori, tra promotori dello sviluppo e conservatori.
Occorre uscire da questa dicotomia e comprendere che la nostra è una visione diversa dello stesso sviluppo. Un modello nuovo di sviluppo a medio lungo termine, che si contrappone ad un modello vecchio e tipico del sud est asiatico dove si erigono strutture a pochi metri dal mare in zone di elevato pregio.
Crediamo invece che occorra puntare a "valorizzare" quelli che sono i nostri attrattori turistici. Evitare scempi come quelli che trent'anni fa si sono perseguiti a Priolo o che sono stati sventati in zone, oggi vanto di un'intera regione, come Vendicari, Lampedusa o la riserva dello Zingaro, possano essere portati a termine alla Pillirina.
Per questo facciamo appello a tutti coloro che in questi anni si sono mossi a favore della Pillirina e condannando qualsiasi silenzio o mezza verità.
Chiediamo a tutti di prendere una posizione chiara e di dare definitivamente il la al vero rilancio della città di Siracusa.
Salviamo la Penisola della Maddalena tutti insieme!

SOS SIRACUSA

 

01

02

03