Notice
Osservazioni al bando regionale per l'iscrizione all'elenco speciale delle guide naturalistiche Stampa
Scritto da Fabio Morreale   
Sabato 10 Dicembre 2016 14:40
Share

20161210 guideLettera inviata in data 07/12/2016 a:

REGIONE SICILIANA:

ASSESSORE TURISMO, SPORT E SPETTACOLO

UFFICIO DI GABINETTO

CAPO DI GABINETTO

COMPONENTI UFFICIO DI GABINETTO

La presente dopo aver valutato l’avviso pubblico in oggetto, utile all’iscrizione all’elenco speciale delle Guide di Media Montagna (allegato al D.A. n. 3029 del 22/11/2016), già Guide naturalistiche o Guide Ambientale escursionistiche, con lo scopo di suggerire alcune modifiche ai punti critici.

L’avviso ha suscitato, tra le Guide naturalistiche della nostra associazione e tra quelle di moltissime altre associazioni siciliane, non poche preoccupazioni per il declassamento della professione da interprete ambientale a soggetto sportivo, ovvero da lavoro intellettuale a lavoro fisico.

Pur volendo finalmente risolvere il problema dell’inesistenza di un albo regionale delle guide naturalistiche e il conseguente esercizio abusivo della professione, l’avviso risulta sbilanciato perché concepito a immagine e somiglianza delle Guide alpine e vulcanologiche, che hanno lavorato alla stesura dello stesso e che gestiranno le modalità e le quote di iscrizione. Il loro conflitto di interessi è sufficiente a non poter escludere che possano esercitare le mansioni in maniera clientelare. L’avviso inoltre ha una visione assai difforme della professione rispetto alla realtà e alla legge regionale n. 8/2004 e D.A 161 che finora l’ha regolamentata; sembra che la guida naturalistica sia diventata uno sportivo in gara di velocità con gli escursionisti committenti.

All’art. 4 si prevede che la Commissione di valutazione sia composta da 6 membri di cui 3 appartenenti al Collegio Regionale delle Guide alpine e vulcanologiche della Sicilia. A parte il fatto che sarebbe opportuno avere una Commissione composta da un numero dispari di soggetti (5, 7, 9, ecc.), con ornitologi, etologi, botanici, zoologi, geologi, etnologi ed espressioni di altre associazioni impegnate nella formazione (Federescursionismo, AIGAE, ecc.), i componenti delle Guide alpine e vulcanologiche non possono rappresentare la metà dell’intera Commissione perché in tal modo sarebbero sempre o a un soffio dalla maggioranza, o al blocco di ogni proposta se non condivisa dalla loro corporazione. Si ricorda che le Guide alpine e vulcanologiche, se l’avviso dovesse rimanere invariato, si troveranno a valutare futuri “colleghi” verso i quali potranno applicare, a norma di legge, criteri di valutazione molto soggettivi e discutibili.

All’art. 9 le prove attitudinali sono eccessivamente legate alle capacità fisico-motorie dei candidati piuttosto che a quelle della comunicazione, della conoscenza, della interpretazione dei fattori naturali, etnologici, geologici. Non è prevista una giusta media tra le conoscenze e le prestazioni fisiche. L’esame chiede al candidato la capacità di completare un sentiero con 1000 m di dislivello entro un tempo massimo, o di affrontare 600 m di dislivello in un’ora con prove di resistenza, regolarità e orientamento; tutte prove concepite per il vulcano Etna al quale le Guide alpine e vulcanologiche hanno riservato esclusivamente i loro interessi. Ma la Sicilia naturalistica non è solo Etna; si pensi alla riserva costiera di Vendicari, capace di attirare annualmente 400 mila visitatori, e alle numerosissime altre aree protette siciliane in cui l’escursionismo si svolge serenamente, senza comportare troppe performance fisiche. Nel quadro del potenziamento del turismo naturalistico siciliano, obiettivo precipuo di questo assessorato regionale, è errato e fortemente limitativo parlare sempre e solo di Etna, e ignorare le innumerevoli altre aree siciliane che proteggono valli, fiumi, grotte, laghi, zone umide costiere, boschi, mulini, tonnare, concerie, torri, saline e altro.

Tra le 500 guide naturalistiche da normare, già operanti in tutto il territorio regionale da molti anni, taluni anche da 20, c’è una ragionevole preoccupazione. I professionisti di maturata esperienza, possedendo i titoli previsti dalla legge precedente (L.R. n. 8/2004) e in attesa che venissero organizzati gli esami di abilitazione, hanno il merito di aver fatto crescere il turismo naturalistico. Hanno descritto e promozionato le nostre bellezze nascoste, i nostri paesaggi. Hanno fatto scoprire e amare un’altra forma di turismo, complementare a quello “culturale”, sopperendo con il loro attivismo alla lenta e macchinosa burocrazia istituzionale. Sono persone che, pur avendo accumulato tanta esperienza, hanno accumulato anche qualche anno in più e oggi non posseggono le stesse prestazioni fisiche di quando cominciarono. Verso questi professionisti l’avviso non può prevedere gli stessi parametri selettivi delle nuove guide. A loro andrebbero riservati esami transitori con un colloquio da tenere dinanzi a una commissione equilibrata e qualificata, in grado di giudicare imparzialmente. Esaminarli con troppi fattori limitanti rischia di non legittimarli, il che comporterebbe la presenza, nella stessa regione, di un numero esiguo di guide naturalistiche ufficiali, e di un vasto numero di guide non ufficiali ma di maturata esperienza che continueranno a lavorare abusivamente pur di non ritrovarsi a braccia conserte.

Difficile non pensare che le criticità dell’avviso in oggetto siano la conseguenza delle influenze operate dalle Guide alpine e vulcanologiche, una categoria di guide ostile alle altre categorie e operante solo sui vulcani siciliani. Una categoria che nel determinare i criteri di selezione di questo avviso ha dimostrato ampiamente quanto limitata sia la sua conoscenza dell’intero patrimonio naturalistico regionale.

Detto questo, si invita l’Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, nelle persona dell’assessore Barbagallo e di tutto il suo staff, a valutare le nostre osservazioni e a modificare l’avviso per garantire i più elementari principi di pluralismo ed equità.

Il Presidente

Fabio Morreale

20161210 guide

Ultimo aggiornamento Domenica 11 Dicembre 2016 21:00