Notice
MUORE ENZO MAIORCA, AMBIENTALISTA DA SEMPRE Stampa
Domenica 13 Novembre 2016 20:38
Share

20161113 Enzo Maiorca a Sorrento 1974Siracusa perde uno dei suoi figli più illustri, Enzo Maiorca. Stamane, il recordman degli abissi, è morto nella sua città all’età di 85 anni. Sanguigno, verace, perfezionista, enormemente innamorato del mare, è stato l’esempio di come l’uomo possa vivere in perfetta armonia con gli elementi della natura, anche con quelli più imprevedibili e rischiosi com’è il mare. Sapeva quando era opportuno fermarsi di fronte alle forze della natura, e per questo il mare lo ha sempre premiato. Dagli anni 60 agli anni 90 ha conquistato profondità in cui nessuno, con la tecnica dell’assetto variabile, si era mai spinto.

Non abbandonò mai il mare o lo sport, ma solo l’attività agonistica. Ottantenne, andava a correre al Plemmirio per godere della bellezza, dell’azzurro, del profumo salmastro portato dal vento di grecale. Coscienza naturalistica tra le più sensibili, negli ultimi decenni trasformò la sua passione in impegno politico (fu senatore dal 1994 al 96) e ambientalista. Ricordato spesso come testimonial di tutte le battaglie finalizzate all’istituzione della riserva terrestre del Plemmirio, difese anche il Porto Grande di Siracusa dalla costruzione del terzo ponte, che dichiarò esteticamente «un’autentica offesa a Ortigia», quindi dai vari progetti di porto turistico. Contrario alle trivellazioni nel Mediterraneo, fu l’unico personaggio nazionale a opporsi alla costruzione del villaggio turistico costiero di Arenella.
Enzo ci ha lasciati, ma non senza insegnamenti. Le sue idee, e la sua libertà di pensiero e di parola, continueranno a esistere in ogni coscienza del movimento ambientalista siracusano.
La classe politica regionale, oltre a spendersi in parole di circostanza, lo onori di fatto proteggendo per sempre la sua costa, concretizzando l’ultima sua battaglia: l’istituzione della riserva naturale costiera del Plemmirio.
Fabio Morreale

20161113 Enzo Maiorca